HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
Sull'avvenire delle nostre scuole | 1ª ed.
  diFriedrich Wilhelm Nietzsche
 
Casa Editrice   Adelphi  

EAN   8845901750

Sezione   Scienze umane

Prezzo   € 8.26
 

Queste conferenze, scritte dal ventisettenne Nietzsche nel 1872, quando era ancora professore a Basilea, contengono alcune delle affermazioni più radicali e rivoluzionarie contro il sistema della cultura moderna che mai siano state enunciate. Nel suo tentativo di 'indovinare l'avvenire' fondandosi, "come un augure, sulle viscere del passato", Nietzsche è riuscito qui a individuare il nesso fra l'educazione scolastica, anche nelle sue zone più apparentemente disinteressate, e l'utilizzazione della forza-lavoro intellettuale da parte della società e ai fini della società stessa, che sono poi quelli di "allevarsi quanto prima è possiibile utili impiegati, e assicurarsi della loro incondizionata arrendevolezza". Di fronte a tale brutale intervento, ogni cultura che non voglia identificarsi con l'ordine costituito dovrà agire 'contro' di esso. Dietro la spinta verso una diffusione sempre maggiore della cultura, in cui riconosceva uno dei "dogmi preferiti dall'economia politica di questa nostra epoca", Nietzsche vide dunque un proposito di oppressione e di sfruttamento, insomma l'ombra stessa dell''economia politica' nel suo senso più generale. Apparirà perciò giustificato leggere questo testo anche come una preveggente analisi dell'industria culturale - e lo storicismo, qui attaccato frontalmente come il maligno incantato che riesce a 'paralizzare' ogni impulso a mettere la cultura in immediato contatto con 'l'ambiguità dell'esistenza', si rivelerà essere appunto l'agente di un enorme e nefasto processo sociale tuttora in corso.  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 29