HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
Studi di iconologia. | 1ª ed.
  diErwin Panofsky
 
Casa Editrice   Einaudi  

EAN   8806153897

Sezione   Critica d'arte

Prezzo   € 26.5
 

Questi "Studi di iconologia" comparvero nel 1939 negli Stati Uniti suscitando una vasta discussione disciplinare, che ne faceva fin dall'inizio un libro di estrema importanza, teorica e concreta, nel quadro della critica storica delle arti figurative. Si trattava, da un lato, di un testo capace di mettere a disposizione di un più largo pubblico i risultati di un lungo lavoro di ricerca e di studio degli aspetti programmatici, letterari ed eruditi dell'opera d'arte, in contrapposizione alle indagini di tipo formale degli storici dello stile; dall'altro quel libro significava una elaborazione organica dell'iconologia, come discussione sistematica di un modo di leggere il "pensiero" dell'arte una volta superato lo studio analitico e descrittivo. L'iconologia è lo studio dei significati che sono propri al soggetto prescelto nella raffigurazione artistica, propri alle immagini, e quindi lo studio del contenuto storico, sociale, religioso, filosofico, culturale di cui i soggetti, le immagini, sono diretta espressione, anche se talora indipendente dalla consapevolezza di chi quei soggetti ha utilizzato. Una problematica, come suggerisce anche una definizione così schematica, che avrà grande fortuna, e sarà anche al centro di discussioni in gran numero: fortuna crescente specie in Italia dove, come dice Previtali nell'introduzione a questa edizione degli "Studi", Panofsky "parve quale il liberatore della cultura storico-artistica italiana, da un lato dagli astratti distinti della storiografia di osservanza crociana, dall'altro dall'ermetismo decadente di tanta pseudostilistica".  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 143