HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
La giara | 1ª ed.
  diLuigi Pirandello
 
Casa Editrice   Mondadori  

EAN   8804493186

Sezione   Romanzi italiani

Prezzo   € 7.2
 

Pubblicato nel 1928, "La giara", undicesimo volume della definitiva raccolta di "Novelle per un anno", riunisce, per la maggior parte, racconti originariamente risalenti al primo decennio del secolo. Il tema della beffa, caro alla pagina pirandelliana, è subito introdotto dall'antagonistico duetto don Lollo - Zi' Dima, alle prese con quella giara che, oltre a dare il titolo a questa raccolta, darà vita all'omonimo atto unico del 1917. Ma più d'uno saranno i registri sui quali modulare lo stesso motivo: sia la beffa ai danni di un marito tradito e allo stesso tempo inadempiente ai suoi obblighi coniugali, siano le beffe della morte che scompigliano l'ordinato mondo dei vivi operando inopinate risurrezioni, divertendosi a scambiare vagoni funebre o confondendo posti e ruoli nelle tombe simmetricamente predisposte. Spetta a Perazzetti, lo strambo filosofo protagonista di "Non è una cosa seria" (e poi della quasi omonima commedia), tentare a sua volta una beffa ai danni di quella vita il cui spettacolo buffo e grottesco non può che suscitargli incoercibili risate. Poiché se non si vuole, come l'ex garibaldino Geremia del "Guardaroba dell'eloquenza", restare impigliati nella disillusione della storia, non resta che il disincanto di un Perazzetti o di un vecchio professor Toti ("Pensaci, Giacomino!") o di chi, come il protagonista di "Pallottoline", sa rapportare le vicende terrene, tragiche o meschine che siano, a un universo incommensurabile.  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 10