HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
Slob | 1ª ed.
  diRex Miller
 
Casa Editrice   Einaudi  

EAN   8806153102

Sezione   Horror

Prezzo   € 8.78
 

Per prima cosa ne avverti la presenza. Invisibile. Un fetore terribile... Ma può essere anche il ciccione gentile che ti ferma per strada e ti stordisce con un mare di chiacchiere complici, fino a che è troppo tardi e ti ritrovi nella sua macchina, in suo potere, messo da parte per 'dopo' ... Lui si pensa come la Morte. E la Morte guida per le strade suburbane, dove abbondano gli innocenti che saranno il suo pasto. Daniel Edward Flowers Bunkovski, detto Chaingang, gode di questo momento, sa che presto un fiume di sangue inarrestabile riempirà la notte. Per fermare questo idiota dal QI quasi divino, dotato di precognizione e preciò inafferrabile, ex killer segreto dell'esercito in Vietnam, che fa ora della città intera il suo notturno campo di battaglia, invisibile come un vietcong, c'è solo Jack Eichord. Un poliziotto di Chicago ex alcolizzato, ma deciso come un Achab contro la sua Balena Bianca. Eichord sa esattamente come pensa e reagisce Chaingang: quello che non sa, è che la prossima vittima potrebbe essere qualcuno molto, molto vicino a lui. "Slob" è un romanzo di grande energia narrativa, che pur in mezzo a ettolitri di sangue, nella tradizione splatterpunk, mantiene avvinto il lettore anche grazie a uno humour, a tratti sarcastico, di alta scuola, e a una sorprendente, esplicitamente catartica, capacità di passare dal punto di vista della vittima a quello, delirante e insostenibile, dell'omicida interamente abitato dalla pulsione al Male.  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 69