HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
L'uomo che brucia | 1ª ed.
  diMassimiliano Governi
 
Casa Editrice   Einaudi  

EAN   8806151444

Sezione   Musica e Spettacolo

Prezzo   € 7.75
 

Quante vite diverse siamo disposti a vivere per fuggire il male che è in noi? Tante, lo sappiamo. Quello che non sappiamo è il contrario: quanto coraggio abbiamo dentro di noi per affrontare il male, invece di fuggirlo? Claudio e Sandro, i protagonisti di 'L'uomo che brucia', credono di star scrivendo un dramma teatrale: hanno il contratto, una data di scadenza da rispettare, un titolo pronto ('Il bombardiere del Gianicolo'), e il copione, quasi finito, li soddisfa. Ma un clic sul tasto sbagliato del computer cancella tutto, senza possibilità di recupero. Provano a ricominciare, e quando abbandonano la vecchia idea per scrivere da capo tutto un altro dramma, ispirato al carteggio tra il pilota che prese parte al bombardamento su Hiroshima, Claude Eatherly, e il filosofo tedesco Gunther Anders, credono solo di avere avuto un'idea migliore. Quando poi cominciano a identificarsi uno nel pilota e l'altro nel filosofo, ad agire in modo compulsivo secondo le angosce di Eatherly e Anders, e a inabissarsi in un pantano di cancri, tossi psicosomatiche, coincidenze e psicofarmaci, credono solo di star entrando nella storia per meglio immedesimarsi, come è dovere di ogni autore. Ma sarà il lettore a decidere, alla fine del libro, se il dovere che a Claudio e Sandro spetta compiere, piuttosto che scrivere, documentarsi, lavorare, non sia qualcosa di più eroico, di più grande, e comune a tutti: consegnarsi alla banalità del male. Anche nelle nostre vite, che sembrano fuori dalla grande Storia; anche fuori dalla grandiosa metafora della Bomba. Anche se l'Enola Gay, l'aereo che sganciò la Bomba, è solo un relitto sulla scena.  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 36