HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
Il freddo dentro | 1ª ed.
  diLidia Ravera
 
Casa Editrice   Rizzoli  

EAN   8817872962

Sezione   Romanzi

Prezzo   € 13.5
 

IL 21 febbraio del 2001 Erika De Nardo, 16 anni, con la complicità di Omar Favaro, 17 anni, ha ucciso sua madre e suo fratello. Non solo: ha accusato un innocente, ha mentito, ritrattato, mentito di nuovo. Se ci ha gettati nello sgomento, però, non è soltanto per la gravità del crimine: Erika ho spostato le frontiere dell'orrore, le ha rese domestiche. Le ha situate in un interno borghese, perfino virtuso. Fra la gente perbene. Erika rassomiglia troppo ai ragazzi normali. E', contemporaneamente, turpe e banale, estrema e mediocre, cattiva e sciocca, colpevole e ingenua. Il suo gesto ha disordinato il tranquillo scenario delle nostre convinzioni. Ora, tre anni dopo il delitto e un anno dopo che è stata definitivamente condannata, su Erika è sceso il silenzio. "Si è richiuso su tutto quel sangue versato, commentato, esposto. Ha coperto le impronte, le intercettazioni, le confessioni involontarie, le bugie. Ha coperto la tragedia e la commedia che tragedia ha bruscamente interrotto. Il silenzio si è sostituito alle accuse, allo sconcerto, all'orrore. E' sceso su di te come un sudario, a ripararti dagli sguardi, a spegnere l'attenzione. Tutti ne parlano, attorno a te, di questo silenzio, te lo porgono come un dono, lo brandiscono come una spada contro chi vuole ancora parlare. E' diventato un 'progetto educativo', il silenzio. I riflettori, dicono, ti hanno fatto male. Non si può regalare una ribalta a una giovane narcisista. Non si può premiarla con la notorietà dopo che ha ucciso. Infatti, non si può. Ma non si può neanche premiarla col silenzio, dopo che ha offeso le nostre certezze. Lei ha bisogno di silenzio, noi abbiamo bisogno di risposte" o almeno di continuare a porci delle domande, a riflettere, a pensare, perchè Erika è un caso estremo, ma il freddo che è dentro di lei, potrebbe essersi insinuato anche in altri corpi giovani, in altre anime. Come una malattia. E la colpa potrebbe essere anche nostra.  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 15