HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
Kim | 1ª ed.
  diRudyard Kipling
 
Casa Editrice   Mondadori  

EAN   8804506598

Sezione   Classici

Prezzo   € 6.2
 

Un ragazzino gioca seduto a cavalcioni su un gigantesco cannone: è Kim, altrimenti noto come il "Piccolo Amico di tutto il Mondo"; orfano di un sergente irlandese, cresciuto come un monello indiano nei vicoli di Lahore, Kimball O'Hara "non faceva niente, e con enorme successo". Così ci accoglie "uno dei libri più 'felici' che le letterature occidentali possiedano" (G.A. Borgese), intriso com'è di bellezza e di non poca sapienza. E' sotto la protezione di due numi tutelari - il lama Teshoo, impegnato a ritrovare il Fiume della Freccia per affrancarsi dalla Ruota delle Cose, e il mercante di cavalli Mahbub Ali, spia al soldo degli inglesi nel Grande Gioco che "notte e giorno mai non cessa" - che si snoda l'avventura di Kim. Improvvisatosi discepolo del primo e agente segreto del secondo, infatti, il ragazzo, che gioca per il gusto di giocare e viaggia per viaggiare, "come fanno i diavoli e gli inglesi", assume "l'indescrivibile falcata che è del vagabondo" (e che è il passo stesso del romanzo) e si mette in marcia a fianco del lama lungo la Grand Trunk Road, fiumana di vita che scorre per millecinquecento miglia da Bombay e Benares a Peshawur, dando così avvio a una scorribanda picara che è insieme un pellegrinaggio religioso. Attraverso pianure e montagne, dall'afrore dei bazar ai climi rarefatti delle lamasserie tibetane alle pendici dell'Himalaya, fra treni e caravanserragli, villaggi e postazioni militari, travestimenti e agguati, sarà un tripudio di "rinnovati scorci ovunque l'occhio complice si posi", un inno all'India amata nella sua molteplice unità da parte del suo più celebre cantore, Rudyard Kipling.  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 34