HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
Col cavolo | 1ª ed.
  diLuciana Littizzetto
 
Casa Editrice   Mondadori  

EAN   880453589X

Sezione   Umorismo

Prezzo   € 14.00
 

"Il problema delle donne non è l'invidia del pene. Al limite, magari, la nostalgia...". La comicità si è fatta femmina, e con la voce stridula. Ha fatto morire di autoironia le donne di tutta Italia, con oltre un milione di copie vendute. E ha sparso il suo virus irresistibile anche oltre frontiera, con i suoi libri già tradotti in mezza Europa. Per non parlare delle impennate che fa fare all'indice d'ascolto ogni volta che compare in televisione. Luciana Littizzetto torna in libreria con un nuovo divertentissimo volume della sua Divina Commedia della femminilità sfigata. Un libro che parla alle donne come parla un'amica vera, con complicità e perfidia: "I fidanzati sono come i peli. Se non li diserbi in maniera definitiva con la ceretta, se li gratti via dolcemente col Mac tre, nel giro di quindici giorni rispuntano, prima piano piano, poi più tosti di prima". Molta perfidia... "Cara la mia collega perfettina, sei in fin di vita? Ok, ti faccio dire una messa!". E poi quadretti pungenti ed esilaranti su single col gatto e separate incattivite, dichiarazioni d'amore e dichiarazioni dei redditi, lo smaltimento schegge di cioccolato dopo Pasqua e le immancabili, sempre più assurde, pubblicità degli assorbenti. Icona incontrastata della comicità femminile, con questo libro la Littizzetto ci fa avvicinare l'orecchio, come per sussurrarci qualcosa, e poi, quando è a un centimetro dal nostro timpano, ci urla dentro tutta la stupidità in cui viviamo.  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 86