HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
Il Sogno europeo | 1ª ed.
  diJeremy Rifkin
 
Casa Editrice   Mondadori  

EAN   8804526823

Sezione   Politica e Società

Prezzo   € 18.5
 

Il Sogno americano, figlio del mito della frontiera e modello di vita per molte generazioni di diversi paesi, è in netto declino. Prometteva il benessere materiale in cambio del sacrificio, del duro lavoro e della disponibilità a rischiare, mentre oggi negli Stati Uniti si lavora sempre di più ma si è pagati sempre di meno, il tempo non basta mai e le speranze in un futuro migliore sembrano dissolversi. Intanto, secondo Jeremy Rifkin, in tutto il mondo si sta affermando un nuovo sogno, radicalmente diverso: il Sogno europeo. Con 25 nazioni, 455 milioni di abitanti e un PIL di 10.500 miliardi di dollari, gli "Stati Uniti d'Europa" hanno ormai superato quelli d'America e sono diventati la più importante economia del pianeta. Rispetto agli americani, gran parte dei cittadini europei gode di maggiori protezioni sociali, una più lunga aspettativa di vita, una migliore istruzione, più tempo libero, e povertà, criminalità, degrado sono meno diffusi. Insomma, in alcuni paesi dell'Unione europea si vive meglio. Inoltre l'Europa è diventata un gigantesco laboratorio dove ripensare il futuro dell'umanità: se il Sogno americano promuoveva una crescita economica illimitata, la ricchezza individuale e la difesa degli interessi privati, quello europeo privilegia lo sviluppo sostenibile, l'integrazione sociale, la responsabilità collettiva. Rifkin indaga nella storia culturale, scientifica e artistica del Vecchio continente per scoprire le radici di questo Sogno europeo, e le rintraccia nel lungo processo di riflessione critica su alcuni concetti costitutivi dell'era moderna (individualismo, libero mercato, Stato-nazione, 'sfruttamento' scientifico della natura) che in America sono stati invece ereditati ed eletti a valori assoluti. Ovviamente, la nuova Unione europea non è esente da difficoltà e debolezze, né i suoi nobili principi sono sempre immuni da ipocrisie. Ma l'importante, secondo Rifkin, è che oggi essa offre all'umanità una nuova e ardita visione del futuro, all'altezza delle sfide poste dalla società globale, forse un'alternativa vincente alla vecchia e appannata utopia americana.  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 25