HOME|INFO|CARRELLO|CONTATTI|CERCA
 
 
Avrò cura di te  
 
 Librinet
 
Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfet ...
 
Leggi recensione
 
 
 
  Attualita’

  Filosofia

  Giuridica

  Informatica

  Letteratura

  Ragazzi

  Religione

  Saggi

  Storia

  Varia
   
 
 
Titolo
Autore
Parole Chiave
 
 
 
 
 
 
 
Giù le mani!
  diMichael Moore
 
Casa Editrice   Mondadori  

EAN   8804538651

Sezione   Politica e Società

Prezzo   € 15.00
 

Michael Moore con i suoi film e i suoi libri ci ha abituato a uno stile personalissimo di giornalismo di denuncia: il suo inconfondibile tono satirico, irriverente e incalzante dà voce a una raffica di denunce impietose e puntuali dei molti mali che hanno trasformato il Sogno Americano in un incubo. In queste irresistibili pagine, pubblicate per la prima volta negli Stati Uniti nel 1996, all'indomani della grande crisi dell'industria automobilistica, Michael va all'assalto di tutte le vacche sacre possibili e immaginabili del mondo conservatore e reazionario targato Usa: dalle feroci riduzioni di personale delle grandi aziende alla disastrosa debolezza dimostrata dai democratici di fronte alle offensive della destra, dalla sottomissione quasi umiliante del Congresso Usa agli interessi di poche megacorporations alla demonizzazione dei più poveri, dal razzismo bianco all'isteria antifemminista e all'omofobia. Come è abituale per lui, Moore snocciola dati, fa nomi e cognomi, ribalta comode verità, smaschera la crudele assurdità delle logiche politiche, economiche e sociali che hanno devastato e continuano a devastare il suo paese. Michael non risparmia nessuno: repubblicani, democratici, il sistema carcerario, Wall Street, presidenti, senatori, lobbies, multinazionali e chi più ne ha più ne metta. Trascinato dalla sua lucida follia iconoclasta, arriva a scrivere delle lettere nelle quali chiede alla Norvegia e all'Olanda aiuti umanitari per i poveri d'America e implora Nelson Mandela di liberare l'America dalla piaga dell'apartheid...  


  
 
 
 
Credits|Utenti connessi: 16